Authorization Failed


You are not allowed to perform this operation.

20 giugno 2019

Manutenzione presso le centrali di potabilizzazioni

Manutenzione presso le centrali di potabilizzazioni

Il processo di potabilizzazione applicato presso le due centrali di CADF S.p.A. prevede, in entrambi gli impianti, una sezione di finissaggio che consiste nella filtrazione dell’acqua attraverso l’adsorbimento su carboni attivi granulari [1]. Tale fase del processo consente di migliorare le caratteristiche organolettiche dell’acqua oltre ad eliminare completamente eventuali tracce di microinquinanti che dovessero essere ancora presenti nella matrice.
La centrale di Ro e quella di Serravalle dispongono rispettivamente di batterie di 15 e 16 filtri a carbone attivo [2] ognuno dei quali contiene circa 35 -38 m3 di carbone attivo (materiale a base minerale, rigenerabile, con un'alta superficie di adsorbimento – circa 850 [mq/g] – e con una struttura porosa adatta alla rimozione delle sostanze organiche nocive presenti nell'acqua). Per mantenere efficiente lo strato filtrante si rende necessario periodicamente il lavaggio in controcorrente [3].
Tali cicli di lavaggio vengono quotidianamente effettuati dal personale CADF, tuttavia il continuo processo di filtrazione causa nel corso degli anni l’ ”esaurimento” delle proprietà adsorbenti del materiale e per tale motivo annualmente si procede alla sostituzione integrale del carbone per alcuni filtri.
Alla luce di ciò da diversi anni CADF S.p.A. ha iniziato un programma di manutenzione in grado di garantire la completa sostituzione di tutto il materiale filtrante per tutti i filtri presenti ogni 4 anni per la centrale di Serravalle ed ogni 6 anni per la centrale di Ro. Tale sfasamento temporale trova giustificazione nella tipologia di acqua che viene trattata nell’una e nell’altra centrale; il processo di potabilizzazione dell’acqua superficiale effettuato a Serravalle comporta infatti un “impaccamento” più veloce dei mezzi filtranti rispetto all’acqua di falda potabilizzata a Ro.
Nel 2019 verrà messo del nuovo carbone attivo granulare vergine di origine minerale, previa rimozione di quello esaurito, in 4 filtri presso la centrale di Serravalle e in 2 filtri presso la centrale di Ro.
Ad oggi è stata esperita l’apposita gara di appalto, è stata aggiudicata in via definitiva la fornitura e nelle prossime settimane si provvederà all’esecuzione del servizio.

[1]

[2]

[3]