Cerca nel sito
15 aprile 2019

Consigli utili per il rispetto dell’ambiente: l’olio usato in cucina dove va a finire?

Consigli utili per il rispetto dell’ambiente: l’olio usato in cucina dove va a finire?

Spesso non ci rendiamo conto che commettiamo numerose azioni quotidiane apparentemente innocue, ma che in realtà creano notevoli danni all’ambiente. La quotidianità ci induce a gettare l’olio che utilizziamo per l’alimentazione, nello scarico del lavandino, non pensando che per ogni kg di olio esausto viene inquinata una superficie d’acqua pari a 1000 m2. Inoltre se smaltiti attraverso la rete fognaria, gli oli, aumentano il costo della depurazione e pregiudicano il buon funzionamento dei depuratori stessi.
I depuratori infatti basano il loro funzionamento sullo sviluppo di batteri e di altri organismi viventi microscopici, che se ricoperti di olio, non sono più in grado di depurare efficacemente l’acqua. Stessa cosa avviene nei corsi d’acqua, compromettendo non solo gli ecosistemi acquatici, ma inquinando anche il suolo e la falda freatica.
I produttori industriali che utilizzano grandi quantità di olio nella loro filiera, come le friggitorie, i ristoranti, le industrie alimentari, hanno l’obbligo di raccogliere i grassi in genere e di avviarli al riciclaggio (D.gls. 3 aprile 2006, n.152), mentre le utenze domestiche, sono soggette alle normative delle amministrazioni locali, che purtroppo non sempre definiscono il corretto smaltimento degli oli. Basti pensare che nelle case Italiane gli oli prodotti dalle fritture, dai condimenti o dallo scatolame (solo per lo scatolame sono circa 20.000 tonnellate all’anno), corrispondono a 170.000 tonnellate all’anno. Risulta immediatamente chiaro quindi quanto il contributo di tutti sia importante per tutelare l’ambiente e di conseguenza noi stessi.
L’oli esausto si può riutilizzare per produrre biodiesel, oli lubrificanti, ma non solo, anche per saponi e materiali per l’edilizia.
Ecco allora un piccolo promemoria sul riciclo consapevole dell’olio esausto: controllare sul sito dell’Azienda che raccoglie i rifiuti urbani nella vostra città le modalità di conferimento degli oli esausti, far raffreddare l’olio della frittura, procurarsi una bottiglia o una tanica, un imbuto e il gioco è fatto. Il pianeta Terra ringrazia!