Cerca nel sito

RITORNA IL FONDO RISCHI FUGHE ACQUA

Nel 2017 ritorna il Fondo Rischi Fughe Acqua, ma con qualche modifica rispetto agli anni passati. Lo scopo, rimasto inalterato, è ridurre le bollette elevate a causa di rotture occulte nell’impianto privato a valle del contatore e spesso individuate da pozzanghere che appaiono all’improvviso in giardino dopo giornate siccitose o scoperte al ricevimento di una bolletta di importo anomalo… cioè quando ormai il danno è fatto.

Aderire al Fondo è semplicissimo: basta pagare il bollettino di adesione entro la scadenza indicata garantendosi la possibilità di usufruire delle agevolazione tariffarie previste dal Fondo per l’anno 2017. Il bollettino di C/C , sarà recapitato a casa e può essere prelevato anche dal file qui sotto allegato, in questo caso si dovrà aggiungere l’importo ed il codice di servizio, va rispettata la scadenza in quanto i pagamenti successivi non saranno considerati validi e saranno rimborsati nella prima bolletta successiva alla data del pagamento. Non è stato attivato l’addebito in conto corrente bancario o postale poiché l’adesione è volontaria e si manifesta con il solo pagamento.

Il bollettino si può pagare solo presso gli sportelli Postali e Rete Punto Servizi entro la data di scadenza indicata nello stesso, sarà recapitato a tutte le utenze ad uso domestico residente, non residente, comunità, Associazioni di Volontariato o di Promozione Sociale iscritte all’ Albo Provinciale e alle utenze dei Comuni associati. Saranno escluse le utenze ad uso non domestico, allevamenti e le utenze per bocche antincendio data la specificità di dette utenze.
L’importo della quota di adesione al Fondo Fughe sarà di euro 15,00 (iva inclusa) per ogni famiglia o per ogni concessione o unità immobiliare, se l’utenza è condominiale e, ad esempio, il contatore fornisce acqua a 2 famiglie la quota sarà doppia ovvero euro 30,00 mentre per 3 famiglie la quota sarà tripla e così via

Se accade la “temuta” rottura occulta è’ sufficiente una semplice comunicazione inviata via fax, via mail o via posta o sottoscritta direttamente ai nostri sportelli. La dichiarazione, sottoscritta dal titolare della fornitura, dovrà indicare la data della riparazione del guasto e la lettura del contatore.

La denuncia di rottura deve avvenire entro 15 giorni successivi alla data di scadenza della bolletta relativa al periodo in cui è avvenuta la perdita, oltre i quindici giorni successivi alla data di scadenza della bolletta contenente i consumi anomali, l’utente non potrà beneficiare del Fondo Rischi Fughe Acqua per i volumi fatturati nella bolletta scaduta.

Per usufruire dello sconto la perdita d’acqua deve aver fatto registrare un consumo superiore al doppio della media dei tre anni precedenti, rapportata al periodo entro il quale si è verificato l’evento, per avere diritto alle agevolazioni se la media del consumo è di mc. 50, la perdita d’ acqua deve aver fatto registrare un consumo superiore a mc. 100.

Continuando con questo esempio; se fossero usciti a seguito di una rottura mc. 500 ben mc. 450 beneficerebbero della tariffa “ridotta” di euro 0,60 a mc , anziché della tariffa eccedenza, e saranno esentati dai canoni fognatura e depurazione.

Inoltre è stato previsto che l’importo relativo alla rottura che rimarrà addebitato all’utente non potrà essere superiore ad euro 5000 + IVA 10% anche in caso di enormi fuoriuscite. L’utente, oltre al proprio consumo medio, si vedrà addebitato un importo massimo di euro 5.000; oltre l’IVA questa è una delle grosse novità a tutela degli utenti gravati da importanti rotture.

IL fondo potrà essere usufruito dall’utente una sola volta per ogni anno solare.
Alcuni esempi:
1 - vediamo il caso di una famiglia di 2 persone : la bolletta media prevede un consumo di mc 40 a quadrimestre e corrisponde a euro 97,14:

1’ipotesi : riceve una bolletta di 490 mc che contiene una perdita di 450 mc
non ha aderito al fondo fughe -  paga € 1.595,99
ha aderito al fondo fughe - paga  € 394,14
con un risparmio di …… € 1.201,85
 
2’ipotesi : riceve una bolletta di 990 mc che contiene una perdita di 950 mc
non ha aderito al fondo fughe -  paga  € 3.269,57
ha aderito al fondo fughe - paga € 724,14
con un risparmio di …… € 2.545,43

2 - vediamo il caso di una famiglia di 3 persone : la bolletta media prevede un consumo di mc 60 a quadrimestre e corrisponde a euro 186,66:

ipotesi B : riceve una bolletta di 510 mc che contiene una perdita di 450 mc
non ha aderito al fondo fughe - paga € 1.662,94
ha aderito al fondo fughe - paga € 453,72
con un risparmio di …… € 1.209,22
 
ipotesi C : riceve una bolletta di 1010 mc che contiene una perdita di 950 mc
non ha aderito al fondo fughe - paga € 3.336,52
ha aderito al fondo fughe - paga € 783,72
con un risparmio di …… € 2.552,80

Ricorda: Il bollettino deve essere pagato entro la scadenza.
La denuncia di rottura deve avvenire entro 15 giorni successivi alla scadenza della bolletta anomala.

Per le utenze ad uso non domestico, è invece prevista una riduzione tariffaria riservata alle utenze che hanno un consumo annuo inferiore a mc. 300. La perdita d’acqua deve aver fatto almeno registrare un consumo superiore al doppio della media dei tre anni precedenti rapportata al periodo entro il quale si è verificato l’evento.
La bolletta relativa al consumo comprensivo della perdita verrà conteggiata addebitando all’utente: la media, calcolata negli ultimi tre anni, del consumo registrato nel periodo, applicando le tariffe in vigore ed il rimanente quantitativo sarà fatturato a tariffa “rottura” pari alla tariffa base ed esentato dai canoni fognatura e depurazione.

Allegati:
REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO RISCHI FUGHE ACQUA
Bollettino per il pagamento, da completare con l’importo ed il codice di servizio desumibile dalla bolletta alla pag.1 in alto a destra

Oppure, se sei registrato o previa registrazione alla pagina web http://www.cadf.it/sportello-online puoi scaricare il bollettino già compilato con i tuoi dati, e usufruire di tutti i servizi per i quali normalmente ti rechi allo sportello, lo sportello on-line è attivo 24 ore su 24